Fine della conversazione in chat Digita un messaggio...

Come avere una casa sicura a prova di ladro!

Come avere una casa sicura a prova di ladro!

Gli infissi di una casa possono rappresentare un punto debole sotto l’aspetto della sicurezza ma con piccoli accorgimenti potremo renderli a prova di ladro!

Sono soprattutto le portefinestre del piano terra, ma anche quelle dei primi piani su terrazze e balconi, se vi sono occasioni di arrampicarsi, a costituire per i ladri il varco verso l’interno.

Una normale finestra viene forzata in pochi secondi, nella maggior parte dei casi per dissuadere gli scassinatori dal loro intento è sufficiente rendere loro la vita difficile allungando il tempo necessario per scardinare la finestra o romperla.

Ecco che allora i punti di chiusura antieffrazione rinforzano il serramento e fanno guadagnare tempo.

La funzione di sicurezza data dai serramenti è utile quando si tratta di ladri “occasionali” che spesso non hanno attrezzi sofisticati oppure approfittano di disattenzioni dei padroni di casa (finestra a ribalta, portafinestra lasciata socchiusa…)

Se invece abbiamo a che fare con una banda organizzata dotata di attrezzature adeguate, magari elettriche, attenta ai dettagli e sicura di poter agire indisturbata anche per lungo tempo nessun serramento è in grado di resistere.

Non esiste “la” finestra sicura, ogni caso è da valutare a sé. E ogni miglioramento in termini di sicurezza è un vantaggio rispetto a non aver alcun dispositivo antiscasso.

La sicurezza di una casa è da considerare nel suo complesso, andando a vedere quali sono i possibili punti di entrata sull’intero perimetro e quali le possibili soluzioni per ogni punto debole.

Non dimentichiamoci per esempio le porte dei garage o le finestre delle cantine. E poi le esigenze di sicurezza sono diverse da famiglia a famiglia e diverse per ogni finestra di uno stesso edificio.

E dopo la teoria andiamo alla pratica!

Il nostro pacchetto sicurezza

Per rendere sicure le nostre finestre le costruiamo con una ferramenta con funghi antieffrazione, fissiamo il vetrocamera attraverso clip avvitate, le dotiamo di un vetro stratificato che impedisce la foratura dall’esterno, posiamo il serramento con turboviti molto più resistenti delle normali viti e infine forniamo una maniglia che non permetta l’azionamento da parte di malintenzionati.

finestre antieffrazione

Per i portoni d’ingresso si fa solitamente riferimento alle norme antieffrazione UNI ENV 1627-30, una porta certificata classe 2, 3 o 4 è adatta a una funzione residenziale.

Solitamente una porta blindata certificata ha le seguenti caratteristiche: serratura di sicurezza, cilindro antieffrazione con duplicazione delle chiavi protetta, defender a protezione del cilindro.

portoni antieffrazione

Sono Valentina Sartori, titolare di Rivas 1984, ideatrice di FinestreinPosa e la voce di questo blog.

Sono cresciuta nel mondo delle finestre e porte fin da piccolina e sono un’appassionata di design e arredamento.

Insieme alla mia famiglia gestisco la nostra azienda Rivas che da 34 anni si occupa di porte e finestre e si rivolge al cliente privato.